Costellazioni

Familiari

Attraverso le costellazioni familiari un individuo ha la possibilità di ricollegarsi all’anima e all’energia della propria famiglia. Nella storia di ognuno di noi sono presenti molti fatti ed eventi che lasciano il segno, non solo per chi li vive in prima persona ma anche per le generazioni successive: la trasmissione transgenerazionale all’interno dell’albero genealogico non avviene soltanto per i valori ma anche per quelle che Hellinger definisce le scelte dettate dalla coscienza familiare. Il lavoro che si può realizzare con il metodo delle costellazioni permette di armonizzare le energie, mettendo così nel giusto ordine ruoli e rapporti.

Le ricerche più recenti in ambito di biotecnologie e di ingegneria genetica hanno promosso lo sviluppo dell’epigenetica, che è la disciplina che studia il modo in cui il genoma di un individuo fin dal suo concepimento risponde al tempo e allo spazio, studia cioè i meccanismi biologici secondo cui le cellule si adattano all’ambiente, la memoria del mondo nel nostro corpo. La grande differenza fra il genoma e l’epigenoma di un individuo sta nel fatto che il genoma è fisso mentre il suo epigenoma è dinamico, si modifica nel corso del tempo e subisce l’influenza dell’ambiente, sia dell’ambiente esterno di vita sia di quello interno all’organismo. L’ambiente ha il potere di attivare/disattivare alcuni geni (interruttori epigenetici).

L’aspetto interessante ai fini della costellazioni sistemiche è che l’epigenetica non ha influenza solo sull’individuo ma anche sulle generazioni future (lo stile di vita ha effetti anche sui figli ed i figli dei figli): ogni volta infatti che una cellula si duplica, questa trasmette alle cellule figlie il libro di istruzioni e anche alcuni degli appunti su come leggerlo. I nostri occhi ora possono vedere l’invisibile trasmissione transgenerazionale dell’epigenoma.

Nel gruppo ogni partecipante ‘mette in scena’ la propria rappresentazione familiare, con la guida del conduttore, scegliendo i personaggi del proprio albero genealogico tra i partecipanti al gruppo. Il microsistema simbolico che si viene così a comporre, manifesta subito la propria connotazione energetica e relazionale, assumendo un peculiare movimento, sul quale poi il conduttore agisce come facilitatore per il recupero di un nuovo equilibrio interno al sistema.

monoliti antichi su un terreno sabbioso